Home Cultura Nascerà ad Anzio il “Borgo Marinaro di Nerone”

Nascerà ad Anzio il “Borgo Marinaro di Nerone”

2425
0
SHARE

La Giunta Comunale di Anzio ha approvato il progetto “Borgo Marinaro di Nerone”, per la valorizzazione del patrimonio culturale e turistico dei Borghi del Lazio. Richiesto finanziamento alla Regione Lazio 

Ha ricevuto l’approvazione della giunta, il progetto denominato “Borgo Marinaro di Nerone”. Si tratta di un’idea finalizzata a raccontare e valorizzare la città Anzio.
L’area archeologica del Borgo sarà ampia e distribuita lungo tutta la città: il Palazzo Imperiale, il Museo Civico Archeologico, il Museo dello Sbarco di Anzio, i resti del Teatro romano, le Ville storiche fino all’antico porto, al Cisternone e al Vallo del Volsco, senza dimenticare Tor Caldara. Insomma, tutte le bellezze storico-artistiche di Anzio, alle quali fanno da cornice come sempre i suggestivi tramonti sul mare.
A caratterizzare il Borgo saranno anche le manifestazioni storiche, come il “Palio del Mare”.
Questo progetto prevede il lancio e la promozione del Borgo Marinaro di Nerone attraverso l’inaugurazione del nuovo Info-Point e tramite “il cammino della cultura”, un percorso che guiderà il visitatore nel “Museo diffuso” che si estende in tutto il borgo. L’Infopoint sarà particolarmente importante per il visitatore, in quanto potrà fornire adeguate informazioni su come spostarsi ad Anzio, sui diversi itinerari storico-archeologici e naturalistici, sui piatti tipici di Anzio e sulle sue tradizioni legate alla pesca.
Un sentiero tra vialetti circondati da glicini dove il turista potrà ricostruire la storia e comprendere sino in fondo il fascino e la grandezza dei capolavori artistici di cui è ricca la città con le sue ville storiche e i suoi parchi attraverso materiale audiovisivo e illustrativo prima di raggiungere il porto neroniano e le altre attrazioni del borgo – si legge nel comunicato stampa che illustra il progetto – L’offerta turistica sarà riformulata e potenziata, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica e con la partecipazione dei principali operatori, in  base alle aspettative dei segmenti individuati con particolare attenzione al turismo familiare e di coppia, allo scopo di espandere nell’arco dell’anno la stagione turistica tradizionale”, prosegue.

Con questo progetto sarà data, inoltre, continua attenzione  alla sostenibilità ambientale, al miglioramento del decoro urbano e alla pulizia e manutenzione dei siti archeologici, senza dimenticare i punti forza della città come la pesca e la ristorazione.